Trattamento speciale dell'INPS, Indennità disoccupazione edile: requisiti NASpI per ottenerla

Trattamento speciale dell’INPS, Indennità disoccupazione edile: requisiti NASpI per ottenerla

L’Indennità di Disoccupazione Edile è un valido incentivo per tutti gli addetti del settore edile che, per vari motivi, hanno perso il lavoro ed hanno bisogno di un sostegno economico per andare avanti. Vediamo meglio, quindi, come funziona  l’Indennità Disoccupazione Edile e come è possibile ottenerla.

L’Indennità di Disoccupazione Edile, denominata anche NASpI, è una nuova prestazione economica introdotta a partire dal 2015 in sostituzione della vecchia Assicurazione Sociale per l’Impiego. Questo tipo di indennità riguarda tutti coloro che abbiano perso involontariamente il loro precedente impiego successivamente al 1° maggio 2015.

In particolare, questa nuova normativa, si riferisce ai lavoratori che abbiano perso il lavoro a causa di una delle seguenti motivazioni:

  • cessazione dell’attività
  • ultimazione del cantiere
  • riduzione del personale
  • fallimento dell’impresa presso la quale erano impiegati.

Quali sono i requisiti per ottenere l’indennità di disoccupazione edile?

Ci sono, inoltre, degli ulteriori requisiti che è debbono essere soddisfatti al fine di ottenere l’indennità di disoccupazione edile quali: l’aver versato almeno 10 contributi mensili o 43 contributi settimanali (in questo caso sono da considerarsi anche tutti quei contributi che sono stati versati per lavori svolti presso dei paesi convenzionati) e aver dato la propria disponibilità a lavorare presso Centri per l’Impiego.

Ci sono tempi precisi entro i quali è possibile presentare la domanda ed oltre i quali non sarà poi possibile percepire l’indennità. Ad esempio, saranno considerati idonei tutti i lavoratori che abbiano presentato la loro disponibilità a lavorare presso i centri per l’impiego entro 7 giorni dopo la data del licenziamento oppure, in altri casi particolari, direttamente dal giorno in cui abbiano presentato la loro disponibilità.

Quando il lavoratore che ha richiesto l’Indennità di Disoccupazione Edile risulta idoneo a tutti i requisiti sopra esposti, potrà percepire la somma per un massimo di 90 giorni e successivamente per altri 9 mesi se ha superato i 50 anni di età e 5 mesi se è di età inferiore ai 50 anni.

Affinché il lavoratore risulti idoneo a ricevere il pagamento per i mesi successivi, dovrà rispettare degli ulteriori requisiti per il trattamento ordinario della disoccupazione. Quindi, l’Indennità di Disoccupazione Edile viene percepita solamente rispettando casi particolari e speciali ed il proseguimento nel ricevere questo pagamento, qualora vengano rispettati gli ulteriori requisiti necessari, per i mesi successivi rientrerà nella categoria del trattamento ordinario di disoccupazione. Generalmente il lavoratore abilitato a percepire l’indennità riceverà un pagamento pari all’80% dello stipendio percepito durante il periodo di attività lavorativa. Precedentemente al 1991 questo meccanismo veniva poi rinnovato ogni anno a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo. Dopo il 1991 questo regolamento è stato poi cambiato e l’importo massimo percepibile è pari a 549,74 euro netti. Se il lavoratore interessato a percepire l’Indennità di Disoccupazione Edile risulterà anche idoneo a percepire l’indennità ordinaria, la cifra del pagamento sarà pari al 60% dello stipendio per un massimo di 3 mesi, 50% per i 2 mesi successivi e 40% per i mesi restanti.

Inoltre ai lavoratori a cui spettino sia l’Indennità Edile sia quella ordinaria, sarà fornito un assegno speciale durante la settimana che va dal 18 al 24 dicembre di importo pari a 6 giorni di disoccupazione. Infine, in presenza di requisiti straordinari, sarà possibile percepire questa indennità ordinaria di disoccupazione anche per un periodo variabile dai 18 ai 27 mesi.

Questo pagamento viene fornito direttamente dall’Inps e può essere percepito secondo diverse modalità quali: bonifico bancario o postale, presso lo sportello di qualsiasi ufficio postale fornendo il proprio documento d’identità e il codice fiscale ed infine la copia originale della lettera di avviso di disponibilità del pagamento da percepire.

Concludendo, al fine di percepire questa indennità è bene controllare di rispettare i vari requisiti richiesti, così da comprendere in maniera adeguata quanto sarà percepito e per quanto tempo si ha diritto a questo tipo di pagamento.


Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un consulente dedicato ti contatterà nelle prossime ore.







Rimani aggiornato sul Mondo dell'Edilizia!

Iscriviti alla newsletter di CantieriEdili.net e ricevi ogni settimana News e Approfondimenti sul Settore Edile.

X

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di erogazione del servizio e per l'adempimento degli obblighi contrattuali e di legge. Informativa sulla privacy